Cerca
Close this search box.

Il Pane grande protagonista della prima Giornata della Ristorazione del 28 aprile 2023

Il mondo enogastronomico è uno dei valori fondanti del nostro paese. E da questo ne deriva la scelta di Fipe-Confcommercio di far risaltare questa peculiarità italiana con l’istituzione – insieme al ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste – della Giornata della Ristorazione, che viene celebrata il 28 aprile (e che avrà cadenza annuale ogni ultimo venerdì dello stesso mese) e che quest’anno vede il pane come protagonista assoluto. Un momento, dunque, in cui cuochi e pizzaioli si uniranno da nord a sud per valorizzare cultura e tradizioni del nostro paese.

Il pane al centro dei menu dei ristoranti il 28 aprile

Il filo conduttore di questa prima edizione sarà il pane, uno dei capisaldi della cucina mediterranea. Tutti i locali che aderiranno alla “Giornata della Ristorazione” – compilando questo modulo – proporranno ai propri clienti, nel menu del 28 aprile, un piatto di propria ideazione che avrà come tema dominante il pane. E ovviamente dalle zuppe alle pizze l’Italia è ricchissima di piatti a base di pane. All’evento sarà anche collegata una raccolta fondi solidaristica ad opera degli stessi ristoratori che devolveranno una parte dell’incasso per i bisogni alimentari delle persone in condizione di fragilità. La Fipe in particolare donerà un contributo economico a favore di Caritas Italiana per la mensa dei più bisognosi.

Il pane è del resto uno dei simboli per eccellenza della condivisione a tavola e ben rappresenta i valori che i ristoratori e i cuochi praticano: accoglienza, ospitalità, socialità, buon vivere e difesa della tradizione. La Giornata sarà quindi l’occasione per sottolineare il ruolo dei pubblici esercizi per il benessere dei turisti e dei residenti. Sempre che ci sia davvero trasparenza da parte di tutti perché non va sottaciuto che scegliere il pane è un tema molto delicato: da un lato ci sono sempre meno panificatori artigiani e dall’altra in non pochi ristoranti, soprattutto dell’alta ristorazione fighetta (magari stellati), ci si dimentica di ricordare che certe pagnotte – buonissime in verità – sono prodotti surgelati per lo più spagnoli.

Leggi anche

La Repubblica

“I nostri risparmi stanno finendo” l’allarme dei fornai tra i rincari di bollette e farine.

La Nazione

La manifestazione di protesta di panificatori e pasticceri. “Caro governo, nei forni spenti non si