Cerca
Close this search box.

Newsletter febbraio 2021

Logo Assipan White2

Nasce il Governo Draghi, un Governo nato dall’emergenza con l’obiettivo di salvare il Paese ormai prostrato da un anno di pandemia dovuta al Covid 19.
Assipan Confcommercio ritiene che il nuovo Governo debba tempestivamente fronteggiare l’emergenza sanitaria, economica e sociale mettendo a frutto l’opportunità dei fondi europei che, si ricorda, in buona parte andranno restituiti.
Occorre un deciso cambio di passo che dia certezze agli imprenditori e faccia arrivare finalmente i tanto sospirati ristori.
Nei giorni a venire sarà cosa positiva il dialogo e il confronto sul modello di governance per trovare un giusto punto di equilibrio tra investimenti e riforme e risolvere il nodo del rapporto tra l’utilizzo delle risorse disponibili e l’impatto dei prestiti europei sul nostro debito pubblico.
C’è la necessità di investire in termini di politiche e progetti sull’economia del terziario di mercato.

Si ricorda che l’Agenzia delle Entrate con il provvedimento n. 27444/2021 ha emanato le schede ISA (Indici Sintetici di Affidabilità Fiscale) da utilizzare per la dichiarazione dei redditi 2020.
Sono state pubblicate le schede relative ai singoli codici di attività di cui quello della panificazione è: BD12U.
Inoltre sono state pubblicate le istruzioni generali per tutti gli ISA e quelle specifiche per i singoli codici di attività.

La Finanziaria 2021 all’articolo 1 comma 139 prevede l’istituzione Registro elettronico dei cereali e delle farine di cereali.
Tale norma entrerà in vigore dopo l’emanazione di un apposito decreto ministeriale del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali da emanare entro 60 giorni dalla entrata in vigore della legge finanziaria il 1° gennaio 2021.
A tale proposito Assipan Confcommercio si è subito attivata in collaborazione con la Confcommercio Nazionale per porre l’attenzione sul problema che rappresenta un ulteriore non necessario adempimento da parte dei panificatori.
Sono state pertanto formulate delle proposte migliorative al testo di legge con i relativi emendamenti.

Le agevolazioni fiscali per le imprese che assumono a tempo indeterminato giovani che non abbiano compiuto 36 anni di età previste dalla legge n. 205 del 27 dicembre 2017 articolo 1 commi 100, 101, 102, 103, 104, 105, 107 sono state rimodulate anche per gli anni 2021 e 2022.
Si tratta di un esonero contributivo totale a favore dell’impresa per un periodo massimo di 36 mesi e nel limite massimo di 6.000,00 euro l’anno.
La durata dell’incentivo viene aumentata a 48 mesi qualora l’assunzione di questi giovani avvenga in una delle seguenti regioni : Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

E’ d’attualità la questione delle vaccinazioni in azienda, ad oggi la stessa impresa non può imporre il vaccino al proprio collaboratore adducendo quanto previsto dall’articolo 32 comma 1 della costituzione in quanto manca l’obbligatorietà per legge alla sua somministrazione.
Infatti, il secondo comma dello stesso articolo 32 dispone che “nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge.
Qualora necessario, ai fini della sicurezza sanitaria, resta ovviamente il dialogo e la reciproca collaborazione.

A Roma, a testimonianza dell’importanza ricoperta dall’arte panaria nella storia della Città Eterna, si trova esternamente a Porta Maggiore, la tomba del fornaio Marco Virgilio Eurisace.
Il sepolcro monumentale è stato realizzato nel primo secolo a.C. per il fornaio e sua moglie Atistia.
Esso fu rinvenuto nel 1838 durante la demolizione delle torri difensive di Porta Maggiore.
Nel fregio che circonda la tomba sono rappresentate tutte la fasi della panificazione dalla pesatura  molitura del grano, alla setacciatura della farina, dalla preparazione dell’impasto alla pezzatura e al momento di infornare.
Sulla parte orientale del sepolcro vi era il rilievo con la raffigurazione dei due coniugi.

Ricordiamo la campagna promossa da Confcommercio “Compro sotto casa perché mi sento a casa” per sostenere gli acquisti nei negozi di vicinato e aiutare così le attività che tengono vive le nostre città e danno lavoro a tante persone.
La campagna è online sul sito internet di Confcommercio e sui canali social della Confederazione con la pubblicazione di uno spot, un logo e una vetrofania.

Leggi anche