Cerca
Close this search box.

Newsletter novembre 2019

Logo Assipan White2

Il 10 novembre 2019 si è tenuto a Milano l’evento Bakery 3.0 organizzato da Italian Gourmet. Alla tavola rotonda, il cui tema erano le fake news che oggi vengono diffuse sul pane, ha partecipato Assipan Confcommercio insieme al Presidente Claudio Conti. Il convegno ha successivamente trattato altri argomenti tra i quali “Le fermentazioni spontanee”, “L’Acrilammide”, “Le metodologie di produzione”, e “L’innovazione nei prodotti di panificazione”. 

Il 16 novembre 2019 si è tenuta ad Altomonte in provincia di Cosenza, la Grande Festa del Pane. A questo evento, che ha visto la presenza di professionisti, aziende, associazioni, patrocinato dalla Regione Calabria, dalla Provincia di Cosenza e dal Comune di Altomonte, ha partecipato attivamente anche Assipan Confcommercio Imprese per l’Italia. La manifestazione ha avuto il fine di favorire la conoscenza delle produzioni e la valorizzazione dei pani del territorio. Nel corso dei lavori del convegno, si è tentato di fotografare e individuare le potenzialità delle produzioni panarie locali e di valutarne le prospettive future.

Dal 16 al 19 novembre 2019 si è svolta a Catania presso gli spazi del Centro Commerciale all’Ingrosso, la 16^ edizione di Ristora Hotel Sicilia inaugurata dal sindaco Salvo Pogliese. L’evento ha registrato numeri significativi per la realtà catanese : 80 espositori, 250 stand e la presenza di oltre 800 brand. Ricco è stato il calendario dei lavori con lo svolgimento di workshop, seminari e dimostrazioni sui temi della panificazione, pizzeria, pasticceria e altri settori del food. In questo contesto, vi è stata la presenza e la fattiva partecipazione dei panificatori Assipan Confcommercio Imprese per l’Italia della Provincia di Catania.

Il tema dell’obbligo del pagamento elettronico che partirà dal prossimo anno è molto sentito dai panificatori, come anche da tutti gli altri piccoli imprenditori ai quali il Governo trasferisce una serie di oneri che genereranno costi e difficoltà gestionali a carico delle imprese. Vi è la possibilità di ottenere una detrazione a fine anno, nonchè la partecipazione alla lotteria per quei contribuenti che si saranno registrati sul portale “Lotteria dell’Agenzia delle Dogane e Monopoli”, ma resta il fatto che vi saranno costi a carico delle aziende. Si spera che il Governo riveda in qualche modo la sua posizione e che eventualmente possa trovare una soluzione, la meno impattante possibile, che permetta di azzerare le commissioni delle transazioni elettroniche quantomeno sui piccoli importi.  

Il Comune di Riva del Garda lancia l’iniziativa “Pane Sospeso”, che permetterà ai cittadini di pagare il pane e lasciarlo a disposizione dei più poveri. Il progetto è stato promosso dall’Assessorato alle Politiche Sociali in collaborazione con Confcommercio Imprese per l’Italia. La proposta prenderà il via i primi giorni del mese di dicembre. Il pane sospeso è una iniziativa che si ispira al “Caffè sospeso”, l’antica usanza napoletana di pagare due caffè, uno per sé e uno per chi non se lo poteva permettere. 

Novembre è il mese della ricorrenza dei defunti e in tutta Italia in questi giorni si producono da secoli tantissimi tipi di dolci. Essi assumono a seconda della regione e delle tradizioni significati particolari. Tanto per dare un esempio, in alcune vallate del Trentino nel corso della ricorrenza dei morti, sopravvive l’usanza di lasciare la tavola apparecchiata per i defunti e per l’occasione si produce un dolce chiamato i “Cavalli dei morti” simili a dei pagnottoni lievitati fatti con farina, latte, zucchero, uova, uva sultanina e zucchero a velo ai quali si da la forma di cavallo, forma il cui significato rimanda all’antica dea romana Epona che presiedeva all’allevamento dei cavalli e accompagnava i defunti nell’oltretomba. Dal nord al sud, in Sicilia, durante la ricorrenza dei defunti, vi è l’usanza di fare il Cannisteddu che veniva simbolicamente ricambiato con i dolci tipici quali il marzapane, i biscotti regina fatti di pasta frolla con semi di sesamo e i pupi di zucchero. 

Dopo un lungo negoziato è stato sottoscritto l’accordo tra l’Unione Europea e la Cina sulle DOP. L’intesa prevede il mutuo riconoscimento di cento prodotti europei e cinesi, di cui 26 tra quelli europei sono italiani. I prodotti selezionati godranno della tutela nel paese asiatico grazie ai loro marchi di qualità. L’accordo prevede una ulteriore estensione della lista per proteggere altri 175 prodotti dopo quattro anni dalla sua entrata in vigore. Questa la lista completa dei prodotti italiani : Aceto Balsamico di Modena, Asiago, Asti, Barbaresco, Bardolino Superiore, Barolo, Brachetto d’Acqui, Bresaola della Valtellina, Brunello di Montalcino, Chianti, Conegliano Valdobbiadene Prosecco, Dolcetto d’Alba, Franciacorta, Gorgonzola, Grana Padano, Grappa, Montepulciano d’Abruzzo, Mozzarella di Bufala Campana, Parmigiano Reggiano, Pecorino Romano, Prosciutto di Parma, Prosciutto San Daniele, Soave, Taleggio, Toscano, Vino Nobile di Montepulciano.

Leggi anche